×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 272
Mercoledì, 10 Giugno 2015 08:37

Uniti si vince

Scritto da

Durante il Lions Day tenuto all’EXPO c’è stata la consegna dei certificati di apprezzamento ai Governatori dei distretti che si sono distinti nella campagna per la lotta contro il morbillo della Fondazione Internazionale Lions LCIF. E’ stato lo stesso Barry Palmer, presidente della Fondazione, a premiare i distinti tra i quali c’ era anche il nostro Governatore Franco De Toffol. Nuovamente il nostro Distretto è riuscito a distinguersi, ed anche questa volta grazie all’ impegno di tutti i Club che hanno dato, nessuno escluso, il loro contributo a questa importante raccolta fondi. Ma il premio maggiore è sapere che oltre sessantamila bambini saranno vaccinati grazie a questo nostro contributo.

Sabato, 06 Giugno 2015 20:10

In ricordo di Walter Giordani

Scritto da

Questa mattina siamo stati raggiunti dalla tragica notizia della morte di Walter Giordani, socio del Lions Club Rovereto Host. La disgrazia è avvenuta durante un volo che stava facendo con il suo amato inseparabile aliante.

Con la tragica morte dell’ing. Walter Giordani la città di Rovereto perde un tecnico preparato, di grande esperienza, di distinte capacità, stimato a livello nazionale e non solo, come pure un uomo di riconosciuta generosità verso la comunità e dalla forte irriducibile passione per il volo.
Walter entra a vent’anni nel 1965 nell’Azienda Elettrica Municipalizzata di Rovereto, divenendone tecnico qualificato presso la centrale idro-elettrica di San Colombano. Esperienza che lo motiva ancor più verso la laurea in Ingegneria Elettrotecnica. Obiettivo raggiunto in anni di impegnativo lavoro, che ne testimonia la determinazione e la giovanile passione verso le materie legate all’energia, all’acqua, all’ambiente, allo sviluppo sostenibile attraverso le preziose risorse naturali, che hanno costituito il filo conduttore della sua vita professionale.
Sale nella gerarchia dell’ASM di Rovereto sotto la direzione dell’ing. Aldo Casonato, le cui promozioni non erano mai casuali, ma bensì legate fortemente al merito. Così l’ing. Walter Giordani diviene verso la metà degli anni Ottanta Dirigente Responsabile Tecnico dell’Azienda roveretana, ormai giunta ad essere un modello gestionale a livello nazionale.
Sono anni in cui si completa la galleria di trasporto della salubre acqua della sorgente dello Spino dalla Vallarsa alla Vallagarina, precisamente in località Madonna del Monte, come pure si costruisce uno dei primi impianti nazionali di cogenerazione, ovvero di co-produzione di energia elettrica e calore, presso la sede aziendale di via Manzoni, e infine si da vita alla completa revisione e costruzione della doppia rete delle fognature suddivisa in acque bianche e nere. Investimenti che erano conseguenza prima di una precisa visione di rispetto per l’ambiente. La parola che più amava l’ing. Giordani era proprio sostenibilità.
Sulla base di questi successi e di questi palesi meriti l’allora Presidente dell’ASM ing. Sergio Zanon e tutto il C.d.A. della stessa, nel 1995 proposero l’ing. Giordani al Sindaco e al Consiglio Comunale di Rovereto quale nuovo Direttore Generale di ASM Rovereto, stante il pensionamento da quel ruolo dell’ing. Aldo Casonato: il voto favorevole fu unanime. Walter Giordani così da semplice tecnico di centrale divenne Direttore Generale di una delle più ammirate realtà municipalizzate italiane.
L’ing. Giordani ebbe modo di portare il suo pensiero e la sua conoscenza in molti convegni a livello nazionale e europeo. I temi a lui cari erano sempre quelli di uno sviluppo compatibile con l’ambiente.
Quando ASM, sulla base del Decreto Bersani, poté trasformarsi in S.p.A., favorendo in tal modo l’entrata quali soci anche dei Comuni della Vallagarina, con una conseguente suddivisione di benefici, ebbi modo di frequentare con lui quasi tutti i Consigli comunali della nostra valle, traendone un insegnamento che tuttora mi è prezioso.
Walter rimase in ASM e dopo in Trentino Servizi fino al 2000, dando poi vita ad una società di consulenza in materia di energia e ambiente, la Ener-co, stimata a livello nazionale e internazionale.
Di Walter è anche giusto ricordare la sua generosità in campo sociale. Era Socio del Lions Club Rovereto Host, di cui fu Presidente nel 2008/9: il tema della sua annata fu proprio la sostenibilità dello sviluppo. Significative le serate da lui proposte in tema di clima, di gestione dei rifiuti, di produzione di energia pulita, di sostenibilità edilizia. Anche queste scelte evidenziano la sua intelligenza e la sua sensibilità.
Walter era uomo dal sorriso facile, che sapeva creare legami giusti e duraturi, sempre positivo e propositivo. La sua ulteriore grande passione era il volo, iniziò con il parapendio e da qualche anno aveva virato verso l’aliante. Questa scelta non fu casuale. Walter ricercava un contatto forte e esclusivo con la natura, con le nostre straordinarie montagne. L’aliante gli permetteva tutto questo. Quanti filmati ci ha mandato, da brividi. Come non immaginare le sue emozioni vissute in tempo reale.
Carissimo Walter, sei morto in volo. Per l’ultima volta, prima di cadere, hai voluto e saputo far Tue nuove esclusive immagini e nuove indimenticabili emozioni. Caro Walter, nell’abbracciare con grande affetto i Tuoi cari, noi tutti, Tuoi amici, Ti imploriamo di non smetterà mai di volare.

Si accende la speranza per i malati di tumore del colon-retto.

Il dott. Carrara e il dott. Motter, in un incontro con i Lions Club Valsugana e Trento del Concilio che da tempo ne sostengono l’attività, hanno presentato il loro studio sul Valore predittivo del linfonodo sentinella rilevato con iniezione di tracciante fluorescente nella stadiazione dei tumori del colon-retto.

Occorre forse fare il punto su cosa siano i linfonodi e le stazioni linfonodali.

I linfonodi sono delle ghiandole di piccole dimensioni che filtrano la linfa e sono numerosi nel nostro corpo; in essi convergono i collettori linfatici, che trasportano la linfa, costituita da acqua, proteine, elettroliti, grassi e linfociti che servono per le difese immunitarie; spesso sono raggruppati formando le cosiddette stazioni linfonodali, che raccolgono la linfa di una determinata zona del corpo; ed in essi perciò si evidenziano in anticipo eventuali condizioni anomale degli organi e dei tessuti circostanti. Il Linfonodo Sentinella è il linfonodo che le cellule tumorali incontrano per primo quando raggiungono una stazione linfatica. L’obiettivo è quello di riuscire a rintracciare i primi linfonodi attraverso i quali il tumore si diffonde, molto spesso così piccoli da sfuggire all’esame istologico, e, nel caso di questo tipo di tumore, ancor più difficilmente rintracciabili perché dispersi nel grasso periviscerale. Il cancro del colon-retto è purtroppo una patologia frequente, che rappresenta la terza patologia neoplastica più comune nel sesso maschile e la seconda nel sesso femminile, e si deve agire su più fronti per ridurne l'incidenza e la mortalità, con la prevenzione e con terapie medico-chirurgiche innovative. Ricordiamo che fattori di rischio sono l’ETÀ, il SESSO (il cancro del colon-retto è più frequente nell'uomo), la FAMILIARITÀ e lo STILE DI VITA, riferendoci con questo all’assunzione di alcool e fumo, a scarsa attività fisica e obesità, a dieta ricca in carne, sale, conservanti e povera in vegetali. La terapia di questo tumore è, oggi, essenzialmente chirurgica, e mira ad ottenere l'asportazione completa del tumore primitivo e del grasso viscerale circostante, che contiene i linfonodi passibili di localizzazione metastatica. I due giovani chirurghi, che operano presso l’Unità operativa di Chirurgia I dell’Ospedale Santa Chiara di Trento, hanno ideato una tecnica di marcatura con tracciante fluorescente che, in chirurgia mini-invasiva, permette di verificarne con una successiva biopsia le caratteristiche. La tecnica del Linfonodo Sentinella è già largamente approvata per altri tipi di tumore, come quello della mammella e nei melanomi; nei tumori del colon-retto rimane però a tutt’oggi priva di una convalidazione scientifica, stante la mancanza di evidenze in letteratura. Lo studio si propone di verificare in primo luogo la validità della tecnica di individuazione del Linfonodo Sentinella, e di confermare l’ipotesi del valore predittivo del linfonodo sentinella sulla presenza di metastasi linfonodali nei tumori del colon retto. La possibilità di analizzare il Linfonodo Sentinella permetterà di guidare la scelta dei successivi trattamenti medico-chirurgici: infatti, se il linfonodo sarà sede di localizzazione metastatica, si dovrà procedere a resezione chirurgica del tumore e di tutti i linfonodi loco-regionali, mentre la negatività del Linfonodo Sentinella risparmierà al paziente lo svuotamento chirurgico delle stazioni linfonodali.

Per questi motivi lo studio dei chirurghi trentini, unico in Italia, sta suscitando interesse in Europa e nel mondo. Dal dicembre 2013 ad oggi sono stati esaminati, a Trento, 50 pazienti, e i risultati emersi sono incoraggianti. Innanzitutto, la procedura è fattibile e sicura. La percentuale di localizzazione del linfonodo sentinella risulta ad oggi del 93% con un valore predittivo negativo del 94%: ciò significa che la negatività del linfonodo sentinella corrisponde alla negatività degli altri linfonodi regionali. Lo studio trentino potrà dunque in futuro offrire la certezza di una cura radicale pur con un approccio meno invasivo e più rispettoso del benessere del paziente.

Martedì, 26 Maggio 2015 20:34

Serata sulla comunicAZIONE

Scritto da

In occasione della bellissima serata organizzate dal Lions Club Trento Clesio, i soci hanno scoperto le incredibili potenzialità del nostro portale distrettuale. Il Distretto ringrazia per questa bella opportunità.

 

Altro su ComunicAZIONE, oltre i confini del club

Giovedì, 21 Maggio 2015 21:13

Alpe di Siusi: golf, sole e simpatia

Scritto da

Ottimamente organizzata dal Lions Club Bolzano Host e grazie al contributo di Auto IKARO (concessionaria BMW ag in Bolzano) nella persona del sig. Paolo Petriccione socio del Lions Club Bolzano Host, si è conclusa la 2° prova dei 17° Campionati Distrettuali di Golf nella splendida location del St.Vigil Seis Golf Club di Siusi (Bz).

La giornata, allietata da un sole splendente e da una temperatura quasi estiva, ha visto cimentarsi sul campo molto tecnico di Siusi un gruppo agguerrito di giocatori la cui partecipazione ha permesso, grazie anche al ricavato della gara di putting green, una raccolta fondi in parte devoluta alla campagna contro il morbillo.

Degno di nota il piazzamento del nostro socio Andrea Erlicher, primo nella seconda categoria del club e, ovviamente, anche della categoria Lions.

La prossima gara, terza tappa del challenger, si svolgerà a Peschiera del Garda presso il Golf Club Paradiso il giorno sabato 11 luglio 2015.

Vi attendiamo numerosi.

Pierluigi Piccoli

 

Allegata la classifica aggiornata. Si ricorda che verranno presi in considerazione i migliori due risultati conseguiti. Quindi c'è ancora tempo per partecipare.

Nella foto Erlicher premiato dalla presidente del Lions Club Bolzano Host

 

 

 

 

Mercoledì, 06 Maggio 2015 00:09

Dove c'è bisogno, i Lions ci sono!

Scritto da

Cari amici, siamo rimasti tutti colpiti dalla grave tragedia che ha travolto il Nepal e la sua meravigliosa popolazione a cui senz' altro vogliamo dimostrare la nostra sensibilit� e vicinanza.
Vi allego la lettera della Coordinatrice d' Area per la Fondazione Internazionale LCIF Claudia Balduzzi che annuncia la mobilitazione di LCIF con l'apertura di una sottoscrizione.

CC Distrettuale per i versamenti
IBAN�� :� IT93X0 6045 11600 000005005461
Ringrazio fin d' ora per quanto farete.

Un caloroso saluto
Franco De Toffol
Distretto Lions 108 Ta1
Governatore Distrettuale 2014/15

Sabato, 02 Maggio 2015 16:36

Rievocazioni e divertimento per i service

Scritto da

Il Club Lions Jacopo Da Ponte, quest'anno ha voluto e cercato di entrare nel territorio circostante per farsi conoscere e per essere d'aiuto e sostegno alle Famiglie in difficoltà economica dei Comuni.
La Festa del 9 maggio p.v., avrà inizio alle ore 20 presso Villa Comello a Casoni di Mussolente, Via Campo d'Aviazione.
Un momento conviviale con ape-cena a buffet.
Data la particolarità della Location, il tema della serata sarà "l'Aviazione durante la Grande Guerra".
Grazie alla Croce Rossa Italiana e ad un gruppo di volontari, verrà presentata una suggestiva rievocazione storica di come si svolgeva l'attività in un Ospedale di campo. La serata proseguirà poi con DJ e musica anni 70-80-90!! Sarà una serata eccezionale di cultura storica, del territorio e tanto divertimento! Vi aspettiamo numerosi!!!

Domenica 17 maggio 2015, presso il Golf Club St.Vigil Seis - Siusi (Bz) grazie all'organizzazione del Lions Club Bolzano-Bozen Host si terrà la seconda prova dei campionati distrettuali di golf.

La  gara prevede 3 categorie stableford. Per il campionato distrettuale verranno, invece, considerati e premiati i migliori due classificati lions nelle due categorie previste dal regolamento (0-18, 18,1 - 36). I premi sono cumulabili.

Vi attendiamo numerosi.

Il coordinatore delle attività sportive

Pierluigi Piccoli

 

Giovedì, 23 Aprile 2015 09:27

We serve divertendoci

Scritto da

Il Lions Club Valpolicella sabato 18 Aprile ha organizzato una serata benefica in collaborazione con la Squadra Rugby Valpolicella basata sull’ amicizia fra Italia e Argentina, che ha visto la partecipazione di più di 100 persone. Si è cenato degustando la famosa carne alla griglia “ASADO”, preparata direttamente da alcuni giocatori della squadra di origine argentina. La serata è stata animata da un gruppo musicale composto da musicisti argentini ed italiani che hanno proposto musiche di atmosfere argentine durante la cena e tanghi per il gruppo di 5 coppie di ballerini specialisti di Tango Argentino, anche loro in parte provenienti dall’ Argentina, che con le loro figure hanno fatto sognare i partecipanti alla cena.

La Presidente Adriana Benati ha aperto la serata con gli Inni e la lettura degli Scopi e dell’ Etica Lionistica e, dopo il saluto agli ospiti presenti, fra cui anche il PDG Jacob Pinackatt, la Signora Jessy ed alcuni Soci di altri Club della zona, ringrazia il Presidente ed i Dirigenti della Squadra di Rugby presenti, ma soprattutto i giovani giocatori che con la loro disponibilità hanno reso possibile l’organizzazione della serata a favore del Service del L.C. Valpolicella. Infatti Il Club partecipa all’ acquisto e mantenimento completo per la durata di 4 anni di un furgone attrezzato per il trasposto di persone disabili o in difficoltà del Comune di San Pietro Incariano denominato “Mobilità Gratuita”. E’ stata una bella serata passata in allegria e gioia condivisa e che ha visto anche lo scambio dei guidoncini fra la presidente Adriana Benati e Laura dalla Torre, Cerimoniere del Brennero Europabrücke, presente alla serata, che ringraziando ha invitato i soci del Lions Club Valpolicella a far visita al loro Club per conoscersi e conoscere il loro territorio e quanto di bello offre. I soci del Lions Valpolicella presenti hanno accettato subito l’invito con entusiasmo.

Adriana Benati - Presidente LC Valpolicella

La statua di Giulietta, tra i simboli più caratteristici di Verona e conosciuta dai turisti di tutto il mondo, diventa ambasciatrice della città e della cultura italiana ad Expo 2015. La celebre opera, infatti, troverà posto a Milano per i prossimi sei mesi, all’interno del Padiglione «Vino – A taste of Italy».

Il prestito è frutto dell’accordo tra Comune di Verona e Veronafiere, organizzatore del Padiglione del Vino. La statua della più famosa eroina shakespeariana che sarà trasferita a Milano è stata realizzata nel 1969 dallo scultore Nereo Costantini per iniziativa del Lions Club di Verona e, in seguito al restauro del 2014, viene custodita nel Museo della Casa di Giulietta. A Verona resterà la nuova copia che, dallo scorso giugno, sostituisce l’originale nel Cortile della Casa di Giulietta, meta ogni anno di oltre 2 milioni di visitatori.

«Per Verona sarà un onore rappresentare l’Italia ad Expo 2015 con uno dei suoi simboli, insieme all’Arena, tra i più amati e universalmente conosciuti – ha commentato il sindaco Flavio Tosi –. La città sarà a tutti gli effetti protagonista di Expo, se consideriamo che la sua fiera con Vinitaly ha anche realizzato e gestirà il primo padiglione dedicato al vino nella storia dell’esposizione universale».

La statua di Giulietta lascerà la città scaligera, diretta a Milano, lunedì 27 aprile. L’opera verrà collocata, per i sei mesi di Expo, in uno spazio alla fine del percorso di visita al Padiglione del Vino e, per garantirne la conservazione, saranno adottate tutte le misure necessarie.

Fonte: L'Arena.it

http://m.larena.it/stories/379_citta/1141772_la_statua_di_giulietta_va_in_trasferta_allexpo/

Martedì, 21 Aprile 2015 23:51

Lions Day? Un successo!

Scritto da

Sabato 18 aprile si è svolto a Trento il primo Lions Day organizzato con la collaborazione di tutti i Club della Zona B (Trento Clesio, Trento del Concilio, Trento Host, Tridentum, LC Cles, LC Fiemme–Fassa, LC Valsugana e Leo). La stupenda cornice di Piazza Duomo ha contribuito a dare grande visibilità all’evento e soprattutto abbiamo avuto l’opportunità di dare un bell’esempio di unità e di coesione grazie all’intervento di un buon numero di soci di tutti i Club (si sono alternati nella giornata 100 soci!!). Sicuramente d’ora in poi la gente avrà modo di ricordarsi di noi e di apprezzarci per le tante iniziative che poniamo in essere sul territorio e nel mondo. Il Comune di Trento ci ha concesso il Patrocinio e ci ha organizzato la conferenza stampa, in tal modo abbiamo avuto risonanza sui quotidiani locali L’Adige, Trentino e Corriere del Trentino e sulle emittenti RTTR e TRENTINO TCA. Durante la giornata è venuto a farci visita anche il Sindaco Alessandro Andreatta che ha manifestato il suo interesse e il suo entusiasmo per la nostra attività di servizio, soffermandosi ad ogni gazebo a chiedere notizie dei differenti Service e proponendoci di ripetere l’iniziativa anche il prossimo anno. Il ricavato delle offerte raccolte sarà destinato a TRENTINOSOLIDALE onlus, un’associazione molto radicata sul territorio e che si occupa di reperire e distribuire in giornata i cibi freschi in scadenza.

Elda Cappelletti Sosi - Presidente di Zona B

108TA1 Channel

Loading player ...